Asciugatrici

Prodotti trovati: 274 Filtra risultati

Produttore

Prezzo

91
105
58
20

Sistema di asciugatura

Classe efficacia di asciugatura

Capacità cestello

Ciclo

Emissione acustica

Wi-Fi

Posizionamento

Classe efficienza energetica

Tipo di carica

Colore del prodotto

Profondità


Come scegliere un'asciugatrice - Guida all'acquisto

Esiste un elettrodomestico che negli ultimi anni ha letteralmente rivoluzionato il modo di vivere la casa, velocizzando tempi e riducendo la fatica delle faccende domestiche: l'asciugatrice. Si tratta di un apparecchio decisamente immancabile in una casa, esattamente come il frigorifero e la lavatrice.

In vendita ne esistono davvero tante tipologie, anche se il meccanismo di funzionamento di questi elettrodomestici è sempre lo stesso: basta mettere i panni al suo interno, azionare l’oggetto e il gioco è fatto, in pochissimo tempo i tessuti si asciugano, garantendo un risultato ottimale senza stropicciarli o rovinarli. Ma cos’è, esattamente un’asciugatrice e quali sono i criteri che permettono di fare un acquisto corretto?

Cos'è un'asciugatrice e a cosa serve? I vantaggi che derivano del suo uso

L’asciugatrice è un elettrodomestico assai diffuso negli ultimi anni, la sua utilità si può comprendere laddove si pensi alla difficoltà di asciugare capi di abbigliamento durante la stagione invernale, dove spesso si verificano piogge e altre precipitazioni: grazie all’uso di un'asciugatrice i tessuti si asciugano in poche ore e, una volta pronti, in molti casi non occorre nemmeno utilizzare il ferro da stiro per togliere le pieghe, i panni non escono stropicciati o piegati. Dal punto di vista estetico le asciugatrici si presentano molto simili alle lavatrici: hanno le stesse dimensioni e all’interno contengono un cestello capace di ruotare i panni mentre li asciuga.

Molte persone, erroneamente, lo ritengono un elettrodomestico inutile o poco sfruttabile: a cosa serve se si possono stendere i panni fuori per una buona parte dell’anno? In realtà l’uso di un’asciugatrice ha numerosi vantaggi, in primis la rapidità: un solo carico permette di asciugare un numero rilevante di panni in sole due ore, senza trascurare la qualità elevata del risultato che ne deriva dal suo utilizzo, soprattutto in relazione ai capi particolari come giubbotti imbottiti (tessuti che faticano ad asciugarsi in poco tempo e in profondità) e lenzuola (che necessitano di uno spazio molto ampio per essere perfettamente stese).

Usando un’asciugatrice si riducono notevolmente i tempi di attesa per la loro asciugatura: in un solo pomeriggio potranno lavarsi e asciugarsi. Un altro vantaggio correlato all’uso di questo elettrodomestico? Senza dubbio il risparmio di spazio e di umidità in casa: un’asciugatrice può essere posizionata nel corridoio o di traverso in un balcone, grazie al suo utilizzo si riduce sensibilmente l’umidità negli ambienti domestici, spesso aggravata dalla presenza costante di abiti e altri tessuti bagnati. Un vantaggio non indifferente se si tiene conto del fatto che l’umidità è responsabile della proliferazione di muffe e spore nelle mura domestiche.

Detto ciò è importante capire quali siano i criteri da valutare prima di scegliere il modello di asciugatrice adeguato al proprio caso: fattori e caratteristiche tecniche da analizzare prima di procedere all’acquisto.

Come scegliere le asciugatrici: le caratteristiche più importanti da considerare prima di procedere all'acquisto

Chi valuta l’acquisto di un’asciugatrice si chiede in genere quali siano gli elementi da considerare nella scelta, come si utilizza questo elettromestico e quali sono le caratteristiche fondamentali che deve avere qualsiasi modello.

A queste domande non esiste una risposta univoca, tutto dipende dalle esigenze familiari dell’utilizzatore: in primis il numero dei componenti familiari e poi il numero di carichi che si pensa di effettuare ogni settimana. Certamente uno degli elementi più importanti da valutare è lo spazio disponibile in casa, in base a questo fattore si potrà ad esempio decidere se comprare un modello con carica frontale, oppure a incasso o slim.

Una prima distinzione fra i vari modelli va fatta in ordine alla tecnologia di funzionamento, e a tal riguardo è necessario fare una prima differenza importante tra i modelli a pompa di calore e a condensazione. Vediamo le principali caratteristiche e i rispettivi vantaggi tra queste due tecnologie funzionali.

Asciugatrici a pompa di calore vs a condensazione: quale dei due modelli è preferibile?

Le asciugatrici in vendita si distinguono principalmente in due tipologie: a pompa di calore o a condensazione. Il meccanismo funzionale dei modelli con pompa di calore è sostanzialmente simile a quello di un condizionatore usato per il riscaldamento di una stanza: queste tipologie di asciugatrici sono infatti dotate di un motore interno capace di produrre e diffondere il calore all’interno del cestello (che come suddetto rappresenta il supporto all’interno del quale sistemare i capi).

I modelli a condensazione, invece, funzionano tramite l’azionamento di una resistenza elettrica, posta nella stragrande maggioranza dei casi sul retro dell’oggetto. Questa, una volta azionata, si surriscalda e riesce a produrre calore, asciugando così i capi in pochissimo tempo (per comprendere il meccanismo di funzionamento di questi modelli basta pensare a un forno elettrico: dopo l’accensione il vapore viene spinto all’interno della vasca attraverso una grossa ventola).

I modelli a condensazione, in genere, sono anche quelli più economici, ma va considerato anche il rovescio della medaglia: solitamente consumano di più in termini di corrente elettrica, a differenza delle asciugatrici a pompa di calore che, appartenendo alla classe energetica A, garantiscono un’ottima resa anche in ordine al risparmio di corrente elettrica (aiutano dunque a consumare di meno e risparmiare sui costi della bolletta, grazie al loro meccanismo di funzionamento interno piuttosto sofisticato e moderno).

Certamente il primo elemento da valutare in ordine all’acquisto di una buona asciugatrice è il fattore economico, ma va detto che non necessariamente un modello a condensazione costa di più di quello a pompa, i costi sono legati a numerosi altri fattori, e non soltanto al meccanismo di funzionamento dell'elettrodomestico. Se si pensa di farne un uso sporadico (ad esempio di una volta a settimana), un’asciugatrice a condensazione potrebbe essere l’ideale. Se invece si sa già che l’oggetto verrà usato molto frequentemente nel corso dell’anno intero, allora sarebbe meglio orientarsi su un modello a pompa di calore.

La modalità di carica dell’asciugatrice: meglio dall'alto o frontale?

Esattamente come per le lavatrici, anche le asciugatrici possono essere caricate in due modalità: dall’alto o dal lato frontale. Questo è uno dei tanti fattori da valutare nella scelta del miglior modello: l’asciugatrice presenta un oblò di fronte o ha un coperchio nella parte superiore?

Tutto dipende anche dalle proprie esigenze familiari, se è vero che in entrambi i modelli l’obiettivo finale non varia, le prestazioni potrebbero cambiare in base all’una o l'altra tipologia: le asciugatrici con carica frontale sono in genere a pompa di calore, ed esattamente come avviene con le lavatrici, riescono ad offrire delle prestazioni tendenzialmente migliori (va detto anche che questi modelli, consentendo in genere un carico di peso maggiore, sono perfetti anche per le famiglie molto numerose).

I modelli con carica dall’alto invece, spesso slim, sono particolarmente adatte alle famiglie poco numerose, o ai single, proprio perché nella stragrande maggioranza dei casi presentano delle dimensioni molto contenute.

L’importanza di funzioni e programmi dell’asciugatrice

Quando si valuta l’acquisto di un’asciugatrice bisogna infine considerare i programmi e le funzioni in dotazione, in primis quella relativa alla possibilità di regolare la temperatura di asciugatura dei panni in base alla tipologia di tessuti: una funzione molto utile, che consente di trattare con delicatezza i capi anche molto delicati.

I modelli più moderni di asciugatrici peraltro, molto attenti al risparmio energetico, forniscono in dotazione un meccanismo di autospegnimento, che si attiva autonomamente dopo pochi minuti dalla fine del ciclo di asciugatura. In altri casi è invece presente una spia sull’oggetto, una sorta di segnalatore acustico che annuncia il termine della fase di asciugatura. I modelli che integrano un display, presente nella maggior parte dei modelli più innovativi, risultano molto comodi, perché consentono di mantenere una visione generale della gestione dell’asciugatrice e delle impostazioni di programma.

In molti casi, i vari modelli, consentono anche di visualizzare l’andamento del ciclo di asciugatura in corso. Un’altra funzione molto utile di questi elettrodomestici, da valutare prima dell’acquisto, è costituita dalla presenza di una memoria interna, che consente all’oggetto di registrare le impostazioni usate nell’ultimo periodo di utilizzo, in modo da selezionare immediatamente le opzioni di uso più frequenti. Molte asciugatrici sono persino dotate di una moderna funzione di pulizia automatica dei filtri e/o del condensatore: una soluzione molto utile soprattutto a coloro che non hanno molto tempo da dedicare alle faccende domestiche.

Nei modelli di fascia elevata, infine, è presente anche la funzione antirumore: una opzione che consente di ridurre al minimo le vibrazioni dell’elettrodomestico con l’enorme vantaggio di poterlo utilizzare anche di notte, senza disturbare i vicini. Per chi desidera monitorare il livello di asciugatura e la velocità, esistono modelli che permettono di selezionarne il livello in base alle necessità dei capi: alcuni tessuti infatti, se asciugati con un getto d’aria troppo intenso potrebbero logorarsi.

Altre funzioni utili disponibili nei modelli più innovativi? Alcune asciugatrici permettono di programmare l’orario di attivazione e di fine ciclo, oltre che di controllare l’oggetto tramite lo smart control connettendolo con la rete Wi-Fi domestica. Molto apprezzata dai consumatori è infine la funzione refresh e di sicurezza dei bambini: la prima usata per rimuovere i cattivi odori dopo l’uso, mentre la seconda consente di bloccare i comandi quando si hanno bambini in casa.

Conclusioni: quali sono le migliori marche e come orientarsi nell’acquisto

I modelli di asciugatrici in vendita sono davvero tanti, ma i migliori, disponibili in diverse fasce di qualità e prezzi, sono quelli appartenenti alle seguenti marche: Bosch, Candy, Beko, Electrolux, Samsung, Hoover.

Il modello adatto alle proprie esigenze va scelto pensando prioritariamente alle necessità personali: la famiglia è composta da un numero importante di persone? È quindi consigliabile optare per un modello di grandi dimensioni. L’asciugatrice deve essere utilizzata solo sporadicamente o tutti i giorni? In quest’ultimo caso è consigliabile scegliere un modello che consenta di risparmiare sui costi dei consumi energetici, preferibilmente appartenente alla classe A.

È importante poi pensare allo spazio disponibile in casa, in modo da valutare se acquistare un modello slim o grande, ad incasso o meno. La decisione finale non può prescindere dalla valutazione preventiva dello spazio disponibile nel proprio ambiente domestico, perché l’asciugatrice, al pari della lavatrice, potrebbe risultare ingombrante in caso di spazio molto ridotto.

Se si pensa di usare l’oggetto in modo frequente, ovvero più volte a settimana, la scelta dovrebbe orientarsi su un modello di buone capacità, magari a pompa di calore e con la funzione stiro. Se invece si desidera usarla saltuariamente, ad esempio soltanto nelle giornate piovose, potrebbe risultare utile un modello slim, magari a condensazione.