Macchine da caffè

Prodotti trovati: 1043 Filtra risultati

Produttore

Prezzo

468
252
219
104

Tipo di prodotto

Sistema caffè in capsule/cialde

Tipologia di caffè utilizzato

Macinatore integrato

Serie

Colore

Capacità serbatoio


Come scegliere una macchina da caffè - Guida all'acquisto

Riuscire a preparare un caffè con un aroma e un gusto unico è la passione e il desiderio di tantissimi italiani che intendono iniziare al meglio la giornata oppure fare una breve pausa rigenerante. La buona notizia è che per gustare un espresso impeccabile non bisogna necessariamente andare ogni giorno al bar, perché anche fra le mura domestiche si possono ottenere risultati più che apprezzabili senza particolari sforzi. Basta infatti comprare una buona macchina da caffè scegliendo fra i migliori modelli oggi disponibili sul mercato, i quali differiscono molto non solo per funzionalità aggiuntive, ma anche per design, caratteristiche tecniche e brand.

In questo articolo verranno analizzati quali sono gli aspetti più importanti che bisogna prendere in considerazione in fase d'acquisto, nonché le marche famose e quindi come trovare facilmente la macchina da caffè in linea con le specifiche necessità che possa accontentare tutta la famiglia.

Le diverse tipologie di macchine da caffè per uso domestico

Una delle prime domande che bisogna porsi quando si compra la nuova macchina da caffè è di certo quale tipologia prediligere. Sul mercato esistono infatti elettrodomestici piuttosto diversi fra loro anche per ciò che riguarda il funzionamento, in quanto compatibili con capsule, caffè macinato oppure in grani. Occorre far presente che non esiste in maniera assoluta un elettrodomestico migliore, perché ciascuna macchina presenta nei fatti vantaggi e svantaggi. Anche i prezzi variano molto in base al tipo di macchinetta che verrà in definitiva selezionato, il quale potrà offrire prestazioni più o meno elevate che incideranno sul sapore dell'espresso.

Macchine da caffè a capsule

Questo è sicuramente il modello maggiormente diffuso nelle case degli italiani e apprezzato soprattutto per la facilità di utilizzo, in quanto non richiede particolari abilità o esperienze in merito alla macinatura. La macchina compatibile con le capsule riesce infatti a realizzare espressi sempre perfetti in poco tempo e offre anche il grande vantaggio della bassa manutenzione.

Per quanto riguarda il funzionamento, l'unica cosa da fare è portare a temperatura l'acqua presente nel serbatoio, inserire la capsula nell'apposito vano e premere il pulsante d'avvio. La spia, solitamente posizionata sulla parte frontale, segnerà quando la macchina è pronta per funzionare. Quanto alle capsule, queste contengono quantità di caffè fresche e già dosate e quindi il rischio di commettere errori è praticamente nullo.

L'unico inconveniente potrebbe essere rappresentato dai costi, visto che l'acquisto delle capsule richiede un investimento maggiore rispetto al caffè già macinato oppure a quello racchiuso nelle cialde. In ogni caso la differenza in termini di prezzo non è molto elevata, per cui vale la pena considerare l'acquisto di una macchina a capsule tipo fra quelle proposte dalle migliori marche del settore.

Macchine da caffè manuali

Le macchine che prevedono il funzionamento manuale richiedono l'utilizzo del caffè ridotto in polvere, quindi previamente macinato. Sono quindi modelli che funzionano allo stesso modo di quelli che si trovano all'interno dei bar e pensate per i veri amanti dell'espresso tradizionale.

Più nel dettaglio, sono provvisti di braccetto all'interno del quale inserire la miscela. Uno volta agganciato il braccetto non resta che pressare la polvere per poi avviare l'erogazione della bevanda. Occorre far presente che le macchine manuali nella maggior parte dei casi si rivelano piuttosto versatili in quanto integrano uno speciale filtro che le rende compatibili anche con le cialde di tipo ESE, ovvero lo standard più comune. Molte volte, tuttavia, questo filtro non si trova in dotazione ma dovrà essere acquistato separatamente.

In ogni caso, rispetto alle altre macchine che attualmente si possono reperire in commercio, l'uso della manuale richiede una certa esperienza, perché è più alto il rischio di commettere errori durante la preparazione del caffè, specie per ciò che riguarda il corretto dosaggio. Le macchine manuali, inoltre, tendono a sporcare il piano di lavoro perché, anche se provviste di beccuccio regolabile, spesso rilasciano schizzi. Di contro, tuttavia, permettono di preparare caffè in base al proprio gusto, quindi maggiormente ristretti e cremosi, oltre che con le miscele che più si preferiscono.

Macchine automatiche

Negli ultimi anni hanno riscosso un grande successo anche le macchine automatiche, che però richiedono l'uso del caffè in grani. Quello che contraddistingue questi elettrodomestici è la presenza di un macinino interno che consente di ridurre i chicchi di caffè in polvere.

In modo pratico e anche abbastanza rapido sarà quindi possibile ottenere risultati altamente professionali, ovvero trasformare la propria cucina in un piccolo bar domestico. L'unico aspetto negativo di queste macchine, comunque piuttosto semplici da usare in casa, è sicuramente il prezzo, in quanto più alto rispetto alle altre tipologie.

Chi concentra la scelta d'acquisto sui modelli automatici, tuttavia, potrà comunque contare sulla macinatura istantanea, quindi in definitiva su un aroma avvolgente e sempre molto gradevole al palato. Sperimentando fra le varie miscele sarà possibile realizzare espressi che soddisfano appieno il proprio palato.

Misure, peso e design

Una volta chiarite le distinzioni fra le varie macchine di caffè, oltre che i pro e i contro relativi alle diverse tipologie, è bene anche valutare con molta attenzione le misure e quindi il design nel complesso. La macchina del caffè andrà posizionata sul piano di lavoro della cucina e in un angolo che deve essere quanto più possibile vicino alla presa della corrente elettrica. Quando l'ambiente domestico è abbastanza ristretto è bene puntare su modelli che hanno una forma compatta e quindi non ingombranti. In genere si tratta di macchine con scocche in metallo o plastica, dal design moderno oppure più tradizionale.

Diversamente, in caso di cucine ampie, non ci sono limitazioni e potrà andar bene anche una versione ampia in altezza e larghezza, ma a patto che possa assicurare comunque una certa libertà di movimento quando bisogna inserire il portafiltro o inserire una tazza sotto all'accessorio che serve per la preparazione del cappuccino.

La scelta dello stile, così come quella che riguarda la combinazione dei colori, riguarda il proprio gusto estetico e andrà fatta tenuto conto degli arredi e degli altri elettrodomestici che sono già presenti nella stanza. La buona notizia è che oggi sul mercato si trovano macchine molto curate in ogni più piccolo particolare, che si possono inserire facilmente in qualsiasi genere di ambiente. Un occhio di riguardo merita anche il peso che non deve essere eccessivo, visto che spesso la macchina viene spostata non solo per pulire il piano di lavoro sul quale è posizionata, ma anche per portare a termine la necessaria manutenzione periodica.

La presenza del "cappuccinatore"

Non sempre le macchine si limitano soltanto alla preparazione dell'espresso, perché in molti casi sono provviste anche del pennarello, accessorio che consente di realizzare cremosi cappuccini come quelli che si possono gustare al bar. Bisogna comunque prestare attenzione, perché questo componente, noto anche come "cappuccinatore" è presente soltanto in alcuni modelli, per cui durante l'acquisto si rivela fondamentale verificare che la macchina corrisponda davvero alle specifiche necessità. Leggere la scheda tecnica offerta dal produttore consente di capire facilmente tutte le funzionalità del modello selezionato.

Chi opta per la macchina che integra il pennarello dovrà poi anche valutare le dimensioni, che saranno inevitabilmente più generose rispetto a quelle di un elettrodomestico progettato solo per erogare il caffè. Altro aspetto da segnalare è che i modelli inclusi nella fascia di prezzo media e alta sono dotati di speciali soluzioni per rimuovere i residui di latte, così da rendere la manutenzione ancora più semplice e veloce.

Manutenzione e pulizia

Per allungare il ciclo di vita della propria macchina e fare in modo che il gusto del caffè non venga in alcun modo alterato è importante non trascurare la regolare manutenzione, che occorre effettuare in base all'intensità di utilizzo, oltre che alla tipologia dell'elettrodomestico scelto.

In genere le macchine automatiche e compatibili con capsule e cialde richiedono solo la pulizia con cadenza settimanale del serbatoio e degli altri pezzi rimovibili. In genere questi accessori, che sono soggetti alla formazione del calcare, si possono lavare facilmente non solo sotto l'acqua corrente ma in molti casi anche in lavastoviglie. Per questo è importante leggere il manuale d'uso per effettuare le necessarie operazioni senza rischiare di commettere danni e rabboccare il serbatoio con acqua imbottigliata e oligominerale.

Diverso è il discorso per le macchine manuali che richiedono un'attenzione maggiore, perché in questo caso bisogna anche provvedere alla rimozione dei residui di caffè che giornalmente si accumulano nel filtro e che con il passare del tempo possono compromettere l'aroma e il gradevole gusto della bevanda.

In linea generale si consiglia l'acquisto di una macchina composta da pezzi che si possono montare e assemblare in poco tempo, quindi dotate anche di un serbatoio facile da riempire e svuotare. A prescindere dal modello selezionato è bene ricordare che le operazioni di decalcificazione vanno comunque effettuate almeno una volta al mese con prodotti specifici.

Pressione d'esercizio

Molti non sanno che le macchine pensate per un utilizzo domestico sfruttano il medesimo sistema di funzionamento di quelle installate all'interno dei bar, quindi a pressione. Solo in questa maniera, infatti, sarà possibile estrarre tutti gli aromi e le altre sostanze che conferiscono all'espresso il caratteristico gusto più o meno intenso, in base alla miscela che verrà ogni volta selezionata.

Solitamente la pressione che viene generata all'interno della caldaia della macchina, espressa con l'unita di misura bar è già impostata dal produttore e in media va dai 12 ai 15 bar. Livelli più alti, com'è facile intuire, permettono di ottenere un caffè di qualità superiore.

Marche e prezzi

Come avviene per ogni elettrodomestico, anche i costi delle macchine per la preparazione del caffè in casa possono variare in maniera abbastanza considerevole; tutto dipende non solo dalle caratteristiche tecniche e dal sistema di funzionamento che sfruttano, ma anche dal design e dalla marca.

Sul punto bisogna tener presente, almeno in linea generale, che le versioni compatibili con le cialde oppure con il macinato richiedono un investimento minore rispetto ai modelli con funzionamento automatico. Il motivo andrebbe ricercato nelle migliori prestazioni complessive e nell'alta qualità dei materiali costruttivi.

Chi sceglie una macchina appartenente alla fascia di prezzo bassa potrà poi contare solo sulle funzioni basilari, quindi realizzare fino a due tazze di caffè, senza possibilità di utilizzare il pennarello per portare a tavola i cremosi cappuccini e bevande a base di latte. Coloro che sono disposti a spendere di più, invece, possono acquistare macchine maggiormente sofisticate, che quindi integrano varie funzionalità extra, come ad esempio lo spegnimento automatico, il timer, la memorizzazione delle impostazioni preferite, la macinatura dei chicchi di caffè regolabile, il display digitale e tanto altro ancora. Sono inoltre modelli con un design abbastanza elegante, lineare, sobrio, che pertanto si può integrare e lasciare in bella mostra in qualsiasi tipo di cucina o piano di lavoro.

Sul mercato attualmente ci sono diverse aziende leader che realizzano macchine per tutte le tasche, dallo stile moderno, contemporaneo o dal sapore vintage. I brand più noti e apprezzati per le buone prestazioni complessive sono sicuramente De'Longhi, Krups, Caffè Borbone o Ariete. Chi punta alla tradizione e cerca macchine pensate per assicurare durevolezza nel tempo, oltre che massima affidabilità, può sempre spaziare anche fra le linee proposte da Gaggia, Lavazza e Bialetti.

Tutte queste macchine sono molto vendute e ricercate, perché accomunate dall'elevata qualità costruttiva, ma non solo. Sono modelli abbastanza semplici da usare, da scegliere in differenti colori, dimensioni e provvisti di tante utili funzionalità che rendono la manutenzione ancora più rapida e pratica. Molto esclusivo anche il design, visto che ogni più piccolo dettaglio non viene lasciato al caso.

Il consiglio finale è quello di non risparmiare sull'acquisto di una macchina da caffè, quindi di evitare tutti quei prodotti che sono proposti da marchi non conosciuti, in quanto il più delle volte si tratta di versioni che offrono prestazioni scadenti e destinati a guastarsi prima del previsto. Solo con le migliori macchine si riescono ad ottenere espressi in poco tempo e caratterizzati da un gusto che non ha nulla da invidiare a quello che si può provare al bar.