Smartwatch

Prodotti trovati: 1228 Filtra risultati

Produttore

Prezzo

385
278
264
251
50

Dimensioni cassa

Colore cassa

Materiale cassa

Materiale cinturino

Colore cinturino

Rete mobile


Come scegliere uno smartwatch - Guida all'acquisto

Tra gli oggetti più desiderati del momento rientrano senza dubbio gli smartwatch, vero e proprio oggetto del desiderio di tutto gli appassionati di tecnologia e di orologeria. Caratteristica principale di questi dispositivi è infatti il saper coniugare perfettamente un classico orologio a tutte le moderne e innovative funzioni di uno smartphone.

Negli ultimi anni, aziende come Samsung, Garmin, Huawei e Apple, che per prima ha lanciato questo genere di prodotto sul mercato, hanno negli anni presentato decine di differenti versioni del prodotto, che molto spesso hanno creato difficoltà nella scelta dello smartwatch perfetto. Proseguendo con la lettura di questo articolo puoi avere la possibilità di conoscere e comprendere ogni caratteristica e funzionalità di questi dispositivi, così da poter effettuare un acquisto sicuro e consapevole.

Le caratteristiche di cui devi tenere conto non sono però solamente le specifiche tecniche dell'orologio, come per esempio le dimensioni e la forma del quadrante, il cinturino e la potenza della batteria, ma devono riguardare anche il software. Fondamentale infatti all'interno di uno smartwatch è il sistema operativo utilizzato, da cui spesso dipende anche il grado di compatibilità con gli smartphone. In aggiunta, altrettanto importante è saper fare la distinzione tra smartwatch e smartband, accessorio molto simile e popolarissimo al giorno d'oggi.

In poche parole, il consiglio più importante quando si deve acquistare uno smartwatch è essere preparati, avere competenze grazie alla quale poter prendere la giusta decisione.

Come scegliere lo smartwatch adatto alle proprie esigenze?

Prima di introdurre alcuni piccoli trucchi utili nella scelta dell'orologio, è fondamentale specificare che non esiste lo smartwatch perfetto. Ognuno infatti, al momento di acquistare il proprio modello, lo farà in base alle proprie necessità, tra cui prestazioni, caratteristiche e, ovviamente, prezzo.

Oltre alle classiche analisi tecniche relative al software e all'hardware, occorre prima di tutto considerare che lo smartwatch è un orologio e che di conseguenza, va abbinato proprio come un normale accessorio d'abbigliamento. Nonostante esistano parecchi modelli particolarmente vistosi, lo smartwatch adatto potrebbe tranquillamente avere carattere abbastanza anonimo e non essere il classico orologio da cerimonia o da uscita galante. Attualmente esistono in commercio moltissimi tipi di smartwatch, dai modelli economici a quelli ideati per svolgere attività fisica, passando per gli smartwatch di design.

In genere, i device pensati per lo sport e quelli dal design sofisticato risultano essere quelli maggiormente costosi, ma acquisendo le giuste competenze sull'argomento è comunque possibile portare a casa un modello avente le caratteristiche richieste a un prezzo non eccessivamente alto.

Forma, quadrante, display e cinturini

Proprio come un normale orologio da polso, ciò che subito risalta di questi dispositivi elettronici è la forma. Ognuno dei modelli disponibili sul mercato presenta forma e dimensioni differenti. Gli smartwatch con il quadrante circolare sono quelli che più richiamano ai classici orologi, in quanto molto eleganti ma poco funzionali. Al contrario, quelli aventi un display quadrato, anche se sicuramente migliorabili dal punto di vista estetico, sono più equipaggiati, dispongono di uno schermo più grande e offrono una maggiore praticità.

Proprio come in tablet, cellulari e computer, gli schermi sono principalmente di due diverse tipologie: LCD o OLED/AMOLED. I primi sono sicuramente di maggior qualità, in quanto permettono una riproduzione dei colori più simile al vero e hanno una resa migliore se usati sotto la luce del sole. Al contrario, gli schermi OLED/AMOLED, sicuramente i più utilizzati, offrono un ottimo rapporto di contrasto e assicurano dei neri molto profondi.

Molto meno comuni sono gli schermi e-Paper, simili per caratteristiche a quelli adoperati negli e-book reader. Questi, ormai impiegati veramente con il contagocce negli smartwatch, offrono una perfetta visibilità anche sotto la luce del sole e garantiscono un'autonomia sensibilmente più elevata rispetto ai due precedenti display.

Gli smartwatch di maggior pregio permettono di usufruire di un'importantissima funzione, chiamata always on. In poche parole la modalità always on consente di tenere lo schermo dell'orologio accesso, ma in modalità di risparmio energetico, facilitando la lettura dell'orario senza però prosciugare eccessivamente la batteria. Altri modelli, ancor più innovativi, presentano un display capace di accendersi solamente con l'avvicinamento del polso verso il volto o con un semplice tocco sul quadrante.

Non meno importante è il ruolo rivestito dal cinturino, che insieme al quadrante definisce l'estetica dell'orologio. Il consiglio è quello di acquistare un modello che permetta di scambiare i cinturini, così da essere ugualmente adatto per ogni occasione, elegante o meno. Solitamente, i materiali utilizzati per i cinturini sono tre: gomma per gli orologi sportivi e pelle o metallo per gli orologi più eleganti. Qualora si preferisse uno smartwatch elegante, i materiali sportivi sono quindi da escludere.

Principali funzionalità

Nonostante l'estetica e il design rivestano un ruolo di grande importanza nella scelta dello smartwatch, ciò che differenzia veramente questi device da un normale orologio da polso è la vasta gamma di funzionalità che questo è in grado di offrire. Prima di scegliere il proprio modello, è importante quindi comprendere quali funzionalità potrebbero risultare utili e quali invece no.

Una persona sportiva per esempio, necessita sicuramente di un orologio capace di contare i passi, dotato di cardiofrequenzimetro e di conta calorie, mentre, allo stesso modo, una persona spesso all'aria aperta potrebbe trovare inutile uno smartwatch scarsamente resistente all'acqua e alla polvere. In aggiunta, degna di considerazione è l'eventuale presenza del sensore di luminosità, sistema capace di regolare in totale autonomia il livello di luce emesso dello schermo basandosi semplicemente sulle condizioni dello spazio circostante.

Per quanto riguarda invece l'efficienza di questi dispositivi, quasi tutti gli smartwatch presentano, nel bene o nel male, le medesime funzioni, la principale fra tutte è sicuramente quella di potersi collegare a uno smartphone e di funzionare come estensione di quest'ultimo. Una volta collegato lo smartwatch al cellulare tramite Bluetooth, potrai visualizzare direttamente dall'orologio notifiche e messaggi e, nella maggior parte dei casi effettuare o rispondere a delle chiamate. I migliori modelli sono perfino dotati di uno slot per la SIM, caratteristica che rende lo smartwatch idoneo alle chiamate anche se non connesso a un telefono cellulare.

L'autonomia della batteria è nella maggior parte dei casi di uno o due giorni, ma qualora il display fosse uno schermo e-Paper, questa potrebbe durare anche di più. Altri fattori di notevole importanza sono componenti come il processore e la RAM. Questi sono legati da una forte relazione, in quanto più il primo è potente più è alto il quantitativo di RAM presente all'interno dell'orologio. Oltre alla memoria RAM, gli smartwatch sono dotati anche di una propria memoria interna, utile per scaricare i brani preferiti o nuove applicazioni.

Sistemi operativi

Al contrario di quanto si possa pensare, gli smartwatch non sono universali, ma sono dotati di sistemi operativi differenti, ognuno in grado di supportare determinati telefoni.

Wear OS

Wear OS è il sistema operativo realizzato da Google e presente su gran parte degli smartwatch. Gli orologi dotati di tale software sono perfettamente compatibili con tutti gli smartphone Android e, in alcuni casi, anche con cellulari Apple, nonostante siano talvolta supportati da dispositivi iOS, Wear OS presenta funzioni sicuramente più ridotte rispetto a quelle fornite da Apple Watch.

Watch OS

Watch OS è invece il sistema operativo utilizzato dagli orologi intelligenti prodotti da Apple. Questi sono compatibili solamente con telefoni di modello superiore all'iPhone 5. Ovviamente, iOS è senza dubbio la scelta migliore se si possiede un cellulare prodotto dalla famosissima azienda di Cupertino.

Tizen OS

Il colosso coreano Samsung e altre aziende minori hanno negli anni sviluppato vari sistemi operativi differenti, capaci di offrire variegati livelli di compatibilità. Tizen OS è tra questi il più importante ed è supportato solo da cellulari Android 4.4 o superiori e da iOS. Oltre al software sopracitato ne esistono di ulteriori, ma molto poco utilizzati: compatibili con la maggior parte degli smartphone, non sono però in grado di offrire le stesse funzionalità dei sistemi operativi precedentemente introdotti.

Smartwatch o Smartband?

Nel primo paragrafo era stato brevemente introdotto lo smartband, dispositivo elettronico altrettanto di moda quanto il classico smartwatch. La differenza tra questi due prodotti è che il primo è in realtà un braccialetto intelligente creato appositamente per favorire il controllo e il monitoraggio delle prestazioni sportive, in alcuni casi però, questo risulta capace di offrire le medesime funzionalità dei normali orologi intelligenti, nonostante costi molto meno.

Il consiglio è di scegliere lo smartband solamente qualora ci fosse una forte necessità di gestire l'attività sportiva o, più semplicemente, rilevare le calorie bruciate e i passi effettuati.

Come è possibile catalogare i differenti modelli di smartwatch?

Nonostante siano davvero moltissimi i modelli di smartwatch attualmente in commercio, è possibile suddividerli in tre differenti categorie: Android, iOS e smartwatch con SIM.

Smartwatch Android

Il sistema operativo Android è quello utilizzato dalla maggior parte degli smartwatch, in quanto pensato appositamente per questo genere di dispositivi nonostante Google non abbia ancora prodotto un modello di orologio intelligente, preferendo dedicarsi solamente alla creazione di un software che potesse essere usato da altre aziende.

Tra le principali caratteristiche degli smartwatch di questo tipo, una delle più importanti è sicuramente la possibilità di poter scaricare, tramite Google Play, applicazioni e programmi pensati appositamente per tali orologi. Come il software iOS, anche questo risulta essere costantemente aggiornato e trovano conferme le voci che vedono l'azienda di Mountain View lavorare a una nuova versione di Android Wear, utile ad assicurare una maggiore durata.

Questo sistema operativo permette di poter connettere l'orologio al proprio cellulare e gestire notifiche, chiamate e ricerche. Modelli di questo genere usufruiscono anche del comodo supporto Ok Google, comando vocale del tutto simile a Siri di Apple.

Come tutti gli smartwatch, anche quelli aventi Android necessitano solamente di un semplice tocco sullo schermo per essere utilizzati, in maniera da rendere facile il monitoraggio dell'attività lavorativa anche in pausa pranzo o in casa. In aggiunta, Android Wear consente di usufruire di ulteriori utilissime funzionalità, di cui la più interessante è senza dubbio quella che permette di trasformare il display in un pulsante con cui scattare fotografie o seguire indicazioni stradali.

Smartwatch iOS

Tra i dispositivi più apprezzati, ma anche più costosi, rientrano sicuramente quelli di Apple, azienda che per prima ha lanciato sul mercato questo prodotto. A differenza di gran parte degli altri smartwatch, quelli realizzati dall'azienda fondata da Steve Jobs sono compatibili solamente con device iOS.

Nonostante l'esclusività, le caratteristiche e le prestazioni offerte sono del tutto analoghe a quelle di Android Wear. Gli orologi Apple infatti, proprio come quelli aventi altri software presentano la possibilità di poter controllare le notifiche dallo schermo. Molto simile è anche l'interfacciamento dell'utente, in questo caso provvisto però della cosiddetta Digital Crown, una piccola rotellina ispirata a quelle dei classici orologi da polso e utilizzabile per passare da una schermata all'altra del dispositivo. Grazie a questa potrai anche cambiare data e ora, tramite il menù watch face.

A differenza degli altri device, in quelli Apple l'attivazione può avvenire in tre differenti maniere: toccando il display, toccando la Digital Crown o, in alternativa, ruotando il polso come nel più classico dei movimenti per guardare l'ora.

Tutti gli orologi Apple usufruiscono dell'interfaccia aptica Force Touch, una speciale tecnologia capace di interpretare la forza esercitata sullo schermo tramite un hardware. Questa funzionalità può risultare particolarmente utile in diverse occasioni. Per esempio, quando si desidera controllare una mail, esercitando una pressione leggermente più forte si presenteranno tre differenti pulsanti: contrassegna, segna come letto e archivia.

Smartwatch con SIM

Caratteristica che solo alcuni smartwach hanno è la possibilità di inserire all'interno una scheda SIM e gestire l'orologio come un vero e proprio telefono cellulare in miniatura. Questo infatti non consente solamente di ricevere notifiche o ascoltare musica, ma permette anche un efficace collegamento a internet e, soprattutto, la ricezione e l'effettuazione di chiamate in maniera totalmente indipendente dal telefono, solitamente indispensabile per utilizzare questo genere di dispositivi. Attualmente è possibile scegliere tra molti modelli di smartwatch dotati di SIM, realizzati da Apple, da Samsung e da moltissime altre aziende specializzate.

Qualsiasi sia l'orologio scelto, è importante sapere che con tutta probabilità questo sarà differente da tutti gli altri simili. Quelli di ottima qualità, in genere, sono provvisti di un supporto alla connettività 4G o 5G, altri device invece si devono "accontentare" della connettività 2G, che permette soltanto di effettuare o ricevere chiamate, escludendo quindi l'utilizzo di internet. Qualora la scelta ricadesse su quest'ultimo caso, è consigliabile acquistare uno smartwatch avente almeno una compatibilità accettabile con il cellulare in proprio possesso, in modo da contenere le limitazioni.

Molto importante è anche la grandezza della SIM. Nonostante la maggior parte dei modelli attualmente in produzione siano compatibili con MicroSIM e NanoSIM, le ultime proposte della Apple si sono contraddistinte per l'utilizzo della eSIM, una scheda virtuale abbinabile perfettamente ai propri piani tariffari. Detto questo, al momento nel nostro Paese sono ben pochi gli operatori che permettono di usufruire della eSIM. Il consiglio quindi, prima di procedere con una tale scelta, è di verificare con grande attenzione la compatibilità di questa nuova tecnologia con l'offerta degli operatori.